fbpx

Marketing-as-a-service. Perché no?

Marketing-as-a-service. Perché no?

Se riesco, stasera passo in palestra. Ho l’abbonamento, una delle tante subscription che ritrovo ogni mese sull’estratto conto della carta di credito: Netflix, Spotify, l’antivirus del PC… Vado in palestra perché lì posso scegliere fra le attrezzature più recenti, trovo personale esperto, incontro altre persone e… posso disdire l’abbonamento quando voglio!

Scusi, ha da accedere?

E così anche io sono diventato parte della subscription economy, quell’Era dell’accesso di cui scriveva (già nel 2001) il futurologo Jeremy Rifkin. Perché mai comprare dei beni (pagando costi fissi, perdendosi i vantaggi dell’aggiornamento tecnologico, rinunciando alla consulenza) quando puoi affittarli e avere sempre il meglio? Anni fa, devo ammettere, mi ero fatto la mia palestra, in un angolo della tavernetta. Cosa è successo? Quello che era il leading edge della tecnologia in pochi mesi era diventato ferraglia. Mi annoiava solo vederli quegli attrezzi, figuriamoci usarli. E voi, dopo quanti mesi vi siete stufati? Io dopo tre. In ditta il software-as-a-service lo adottiamo ormai da anni, le auto sono in serviced leasing, così come le fotocopiatrici/stampanti. Molte nostre attività potrebbero assumere la modalità as-a-service.

Oh no, sul marketing non si può!

Modalità as-a-service anche per il marketing, o almeno una sua parte. Cosa? Il marketing? No, quello no. Per carità! Il marketing è un ufficio, una casella nell’organigramma, un team di valorosi collaboratori. Non lo si può nemmeno pensare! O forse sì. In fondo le HR sono da sempre esternalizzate a uno studio ‘paghe e contributi’. Il ciclo passivo e attivo è on line da quando le fatture sono smaterializzate. Non parliamo della logistica. Perché il marketing non potrebbe essere realizzato in modalità as-a-service? Forse è una mentalità ‘pre-digitale’ che ci fa vedere il marketing come qualcosa di intoccabile. Una volta le aziende piccole e grandi decidevano loro se e quando apparire. Lanciavano la ‘campagna’ e poi si re-immergevano come dei sottomarini.

Quando sei sul mercato, non puoi più nasconderti

Da tempo ormai una azienda non può più nascondersi. E non deve farlo. Come i partiti, anche le imprese sono ‘in campagna elettorale’ 365 giorni l’anno. L’azienda deve comunicare in modo regolare e continuo così come il cuore deve battere e i polmoni inspirare ed espirare. Non smetto di respirare perché sono concentrato sulla guida. Allo stesso modo non smetto di essere presente (ad esempio sui social) perché ho focalizzato le migliori risorse del mio marketing su una campagna o su un evento. Marketing digitale e marketing ‘attivo’. Le due cose devono viaggiare in parallelo, senza ostacolarsi, senza sovrapporre le loro scadenze e le loro priorità.

Esperti per fare, misurare, migliorare

Marketing-as-a-service non significa dare fuori (e tantomeno fare fuori) il marketing di una azienda. Significa avere un marketing digitale gestito da esperti (come il coach in palestra) che mette a disposizione le tecnologie e gli approcci più moderni, con i quali puoi concordare e misurare andamenti e obiettivi. Significa dare costanza, allineandolo al livello più alto, mantenendo il ritmo del respiro di una azienda, liberando così risorse da concentrare sulle campagne, sulle innovazioni, sul valore aggiunto senza distrarre risorse dalla tua voglia, dal tuo bisogno di cambiare.

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *