Avere un sito web efficace che ti porti clienti e dia un’immagine positiva del brand è parte fondamentale del business di un’azienda. In particolare, lo è nel B2B, dove è fondamentale seguire una strategia solida e lasciare il meno possibile in balìa del caso.In questo articolo, vi elenchiamo 7 fattori decisivi che renderanno il vostro sito web il luogo d’incontro perfetto tra l’azienda e il potenziale cliente.

1. Un sito incentrato sul cliente

Il sito web è il biglietto da visita della tua azienda e dei servizi/prodotti che offre. Quando si costruisce un sito web, l’errore più comune è non tenere conto di chi poi lo andrà a visitare. Infatti, il sito web non serve a te stesso che conosci già alla perfezione la tua azienda e la qualità dei servizi/prodotti offerti, ma bensì ai tuoi potenziali clienti che da lì traggono le informazioni utili per decidere se acquistare o meno.

2. Call to action

La Call to Action (CTA), un messaggio che invita l’utente a compiere un’azione specifica, può presentarsi nel marketing digitale in veste di pulsante (con sopra scritto un comando specifico) o di link nelle campagne e-mail, che reindirizza a una pagina web dove l’utente può intraprendere ulteriori azioni.

La call to action è un elemento chiave del sito web che chiarisce ai potenziali clienti quale sia l’azione successiva da intraprendere e contribuisce a far proseguire l’utente lungo il processo di vendita. Per creare un’efficace CTA, le strategie più comuni sono usare parole che inducono a un’azione (“Scopri di più”, “Esplora”, “Ordina ora”), usare frasi sintetiche, dichiarare i benefici, creare senso di urgenza.

3. Il Blog

Una sezione blog è uno spazio sul sito web in cui l’azienda crea regolarmente contenuti. È uno dei migliori strumenti di marketing, perché attraverso i contenuti l’azienda può informare ed educare i propri clienti, nonché convincerli nella decisione d’acquisto e spostarli più in fondo nel funnel di vendita. Anche in questo caso, come per la costruzione del sito, i contenuti all’interno del blog vanno pensati in funzione di chi poi li andrà a leggere, ossia il potenziale cliente.
Un dato da non trascurare è che i marketer B2B che utilizzano i blog nel 2022 ricevono il 67% di lead in più (Pamela Bump (2022). 31 Business Blogging Stats You Need to Know in 2021).

4. Newsletter

Una newsletter è uno strumento utilizzato da aziende e organizzazioni per condividere informazioni rilevanti e di valore con la propria rete di clienti, potenziali clienti e abbonati. Le newsletter vi danno accesso diretto alla casella di posta del vostro pubblico, consentendovi di condividere contenuti coinvolgenti, promuovere le vendite e portare traffico al vostro sito web.

Inoltre, le campagne e-mail sono facili da misurare, il che significa che potete monitorare i vostri progressi e apportare modifiche significative che portino a maggiori risultati.

Per avere più suggerimenti sul tema newsletter ed email, ti consiglio il nostro articolo intitolato “Il marketing B2B ha ancora bisogno di email marketing efficace”.

5. Monitoring delle performance

Le prestazioni del sito web sono molto importanti, poiché influenzano positivamente o negativamente l’andamento del business.

Ci sono alcuni elementi che determinano scarse prestazioni di un sito web. Per esempio, possono esserci problemi con le dimensioni e le quantità di file presenti, problemi con l’architettura del sistema, ma anche con le variabili dell’utente, come la posizione geografica, il tipo di dispositivo, il tipo di browser e sistema operativo. Infine, soprattutto la lentezza della connessione è un fattore che condiziona fortemente la scarsa esperienza dell’utente finale.

Diviene quindi fondamentale monitorare periodicamente le prestazioni dei siti web, anche attraverso online tools come “Google Lighthouse”.

Nel ranking che Google crea quando indicizza i contenuti di un sito, inoltre, i cosiddetti “core vitals” sono fondamentali e dipendono dalle prestazioni velocistiche del tuo sito. È importante quindi affidarsi a professionisti esperti e non improvvisare azioni fai da te.

6. Aggiornamento costante dei contenuti

Migliori contenuti offerti portano a maggiore traffico sul sito web. Mantenere aggiornati i contenuti del vostro sito aiuta a creare fiducia tra voi e i potenziali clienti.

Pubblicare un articolo ogni due mesi non gioverà di certo alla visibilità del sito web e sarà importante, quindi, aggiornare costantemente i propri contenuti, sia quelli delle sottopagine sia quelli del blog, che deve presentare argomenti sempre attuali.

Se il lavoro di aggiornamento è fatto a dovere, è molto probabile che i clienti si affidino al vostro sito per ottenere informazioni utili sul mercato in cui operate, aumentando le possibilità di vendita.

7. Creare una struttura di navigazione coerente, semplice ed efficace

Per rendere la navigazione del sito il più semplice ed efficace possibile, è importante suddividere i contenuti del sito in sezioni ben definite, per garantire un’esperienza utente positiva e fluida.
Quindi, le sezioni risultano fondamentali per aumentare l’organizzazione della pagina, che non deve apparire come un ammasso di contenuti disordinati. Ci sono sezioni comuni alla maggior parte dei siti web presenti, tra cui “chi siamo”, “i nostri obiettivi”, “i nostri prodotti”, ma non vanno dimenticate le sezioni “cases history”, e soprattutto la sezione “contatti”.

Ci sono tanti modi per rendere il tuo website uno strumento utile per le vendite. Sono attività che se fatte con costanza portano a risultati visibili. In questo articolo ti abbiamo illustrato 7 elementi chiave che, spesso, vengono sottovalutati nella realizzazione o riprogettazione di un sito.
Le idee di questo articolo ti saranno d’aiuto per acquisire le abilità di base per stabilire se il tuo sito funziona o se sarebbe meglio riprogettarlo!

Hai qualche dubbio? Valuelead conosce molto bene la materia!